La Notte dei Musei a Belgrado e nel resto della Serbia

La Notte dei Musei è giunta alla sua ottava edizione e per il 2011 vedrà coinvolti 40 paesi in Europa, Serbia compresa. L’evento è fissato per il prossimo 14 maggio (dalle 18:00 alle 02:00). Belgrado sarà la città con il più alto numero di punti di interesse, ben 65. Seguiranno Novi Sad con 50, Šabac con 20, Kragujevac e Subotica con 15, Valjevo con 8 e, a seguire, altre località dislocate sul territorio serbo.
«Con la manifestazione La Notte dei Musei desideriamo contribuire alla decentralizzazione della cultura, quindi sottolineare la sua importanza ed esportarla ovunque, in tutta la Serbia.»ha dichiarato Ana Jovanović, uno degli organizzatori della manifestazione – «L’evento è atteso con impazienza a Belgrado, ma anche nel resto della nazione».
Il gatto nero che quest’anno farà da simbolo per l’evento, secondo gli organizzatori rappresenta, tra l’altro, la lotta contro gli stereotipi, primo fra tutti quello secondo cui i musei sono luoghi poco interessanti e attraenti per i giovani. Lo scorso anno La Notte dei Musei (sito ufficiale: www.nocmuzeja.rs) ha toccato 55 località della Serbia, per circa mezzo milione di visitatori.

La Notte dei Musei a Belgrado…
A Belgrado, suddivisa per l’occasione in sette zone (Dorćol, Kalemegdan, Via Knez Mihailova, Piazza Nikola Pašić, Bulevar Kneza Miloša, Parco Topčider e Zemun), i visitatori potranno ammirare i costumi e apprezzare i balli tradizionali di un tempo, seguendone l’evoluzioni fino ai giorni nostri.
Quelli che trascorreranno la serata passeggiando per le vie della capitale, vedranno sventolare le bandiere delle squadriglie serbe della Prima Guerra Mondiale, l’uniforme del Re Aleksandar con la quale perse la vita a Marsiglia, quanto la bellezza femminile significava e come era rappresentata fra le due Guerre. La Notte dei musei sarà inoltre l’occasione per festeggiare i 56 anni della famosa auto “Fica” e come ogni anno la musica occuperà un posto particolare.

Palazzo della Principessa Ljubica

BELGRADO: Palazzo della Principessa Ljubica

Il Palazzo della Principessa Ljubica (in serbo: Konak Kneginje Ljubice), a Belgrado, è stato una delle sedi più visitate nell’edizione 2010 de La Notte dei Musei. Fu fatto edificare nel 1831 dal Principe Miloš Obrenović come sua residenza cittadina. Timoroso, tuttavia, per la vicinanza della Fortezza Turca e delle sue guardie, il Principe preferì la residenza di Topčider, lasciandovi qui la moglie Ljubica e i suoi figli. Normalmente è visitabile ogni giorno della settimana, escluso il lunedì.

…e nel resto della Serbia
Gli abitanti di Novi Sad e tutti quelli che visiteranno il capoluogo della Vojvodina, ripercorreranno l’evoluzione della pubblicità tra le due Guerre apprendendo come un tempo si veicolavano i messaggi verso i consumatori. Vera e propria curiosità sarà l’esposizione “Gli artisti della Vojvodina alla Biennale di Venezia 1895-2011” iniziata con la scelta del Museo di arte moderna della Vojvodina come realizzatore del Padiglione serbo alla Biennale di Venezia.
Attraverso un’installazione multimediale, Kragujevac celebrerà mezzo secolo di cultura urbana della città. Nella Notte dei Musei la città ospiterà due artisti, l’uno concettuale, l’altro cubano: Radomir Damjanović Damjan e Rafael Consuegri.
A Subotica la stella della serata sarà “sua eccellenza la bicicletta”: gli aspetti etnologici, storici, letterari, artistici della bicicletta con un’installazione in piazza centrale. La pittura di Milan Konjović e l’esposizione biologica in occasione dell’Anno internazionale dei boschi, faranno inoltre parte dell’offerta di questa città.