Air One: chiusa la tratta Milano Malpensa – Belgrado

I voli Air One Milano Malpensa – Belgrado non saranno più operativi. È quanto si deduce tentando la prenotazione on-line sul sito ufficiale della compagnia aerea (che include ancora la capitale serba fra le sue destinazioni). La conferma definitiva arriva dalla pagina Facebook (e da Wikipedia).


È durata davvero poco l’illusione di volare da Milano a Belgrado a tariffe low-cost: i voli inaugurati lo scorso settembre 2012 da Air One, smart carrier di Alitalia, da Milano Malpensa (MXP) verso la capitale serba (BEG), hanno avuto vita brevissima (ai tempi ne davamo annuncio con entusiasmo: Voli Air One da Milano Malpensa a Belgrado).
La ricerca on-line, sul sito ufficiale della compagnia aerea (Air One), non conduce da circa una settimana ad alcun risultato, né segnala con un messaggio la chiusura della tanto decantata tratta. Come sempre più spesso capita, sta ai viaggiatori tirare le somme e giungere a conclusioni logiche.
La conferma è arrivata soltanto dalla pagina Facebook di Air One, in risposta alle domande dei tanti utenti interessati a raggiungere il Nikola Tesla di Belgrado. La stessa pagina dove, solo due mesi fa, si festeggiava l’inaugurazione del nuovo e inaspettato tratto aereo! Altro indizio si ritrova alla voce “Air One” di Wikipedia, dentro il paragrafo “Destinazioni”…

01 - Air One: soppressi i voli Milano MXP - Belgrado

Fra le destinazioni, sul sito ufficiale Air One, figura ancora Belgrado…

Una fine annunciata, forse, dal grande pasticcio che la mattina dello scorso 10 novembre 2012 ha visto protagonista il volo Air One AP540, un Airbus A320, diretto da Milano MXP a Belgrado ma, causa nebbia, dirottato su Podgorica, capitale del Montenegro. Nulla di grave, anzi una decisione che teneva conto in primis della sicurezza dei passeggeri e dell’equipaggio, direte.
Il fatto è che per riportare il velivolo verso la destinazione finale, dopo ore e ore di attesa ingiustificata da un sole che nel frattempo aveva irraggiato la bella capitale serba, il pilota Alitalia accettava di pagare di tasca sua il rifornimento necessario a coprire il percorso imprevisto (circa 4.000 €).
Insormontabili, quanto misteriosi disguidi burocratici, impedivano infatti a chi di competenza di effettuare un bonifico a favore della Jugopetrol, la compagnia petrolifera montenegrina che si occupa di rifornire gli aeromobili presso l’aeroporto di Podgorica.
Per volare quindi su Belgrado non resta che affidarsi alla Jat Airways, compagnia aerea di bandiera della Serbia, ad Alitalia, a Wizz Air (con voli low-cost ma dagli orari sempre più improbabili) e a FlyNiki (facendo però scalo a Vienna). Quella di Air One ha già assunto i connotati della classica “storiella all’italiana”.