Zlatibor – Kraljeve Vode

Una tappa imperdibile per chi visita la Serbia Occidentale. A Zlatibor si gode della vivacità e della compagnia in estate e nel periodo natalizio, della quiete e dei momenti di riflessione in primavera e d’autunno. La permanenza è inoltre allietata da un’ottima e genuina cucina.


Insieme a KÜSTENDORF, l’etno-villaggio fondato dal regista serbo Emir Kusturica sulla collina di Mečavnik (nei pressi di Mokra Gora), Kraljeve Vode (cirillico: Краљеве Воде) è il luogo del distretto di Zlatibor più frequentato dai turisti.
La piccola cittadina è visitabile in ogni momento dell’anno, ma le opportunità di relax, divertimento, sport e shopping la rendono particolarmente indicata nelle stagioni estiva e invernale. La vita ruota intorno alla piazzetta centrale, ai ristoranti, ai pub e ai fast food che la circondano, aperti fino a tarda ora, e al laghetto percorribile a piedi per tutto il suo perimetro. Di notevole pregio il resort Kraljevi Konaci composto da abitazioni tipiche, giardini e vicoli e dotati di tutti i comfort. Oggi Kralieve Vode conta circa 2.500 abitanti (il censimento del 2002 ne aveva stimati 2.344), ha un’impostazione moderna, dispone di numerosi servizi e vanta diversi monumenti. Per saperne di più, visitate la GALLERIA FOTOGRAFICA.

01 - Zlatibor - Kraljeve Vode - FAI CLIC PER INGRANDIRE
01 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

È questo il panorama che si presenta al turista che raggiunge la cittadina di Zlatibor (cirillico: Златибор) in auto percorrendo verso nord la strada E763. I colori dell’autunno si fondono con quelli dei tetti e delle abitazioni tipiche della zona.

02 - Zlatibor - Kraljeve Vode - FAI CLIC PER INGRANDIRE
02 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
03 - Zlatibor - Kraljeve Vode - FAI CLIC PER INGRANDIRE
03 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Il movimento turistico si concentra nella piazzetta centrale che fa da fulcro per l’intera cittadina. L’immagine è stata ripresa nel mese di ottobre ritraendo un momento di assoluta tranquillità.

04 - Zlatibor - Kraljeve Vode - FAI CLIC PER INGRANDIRE
04 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Per le vie che animano il centro turistico di Zlatibor, si incontrano ristoranti e fast food. Presso il chiosco ritratto nell’immagine, si possono acquistare le specialità di carne grigliata di Leskovac, la città serba nota per la pljeskavica.

05 - Zlatibor - Kraljeve Vode - FAI CLIC PER INGRANDIRE
05 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Le pantofole tipiche della regione di Zlatibor, in pelle e lana vergine, sono realizzate rigorosamente a mano.

06 - Zlatibor - Kraljeve Vode - FAI CLIC PER INGRANDIRE
06 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

I salumi di Zlatibor (diversi tipi di prosciutto, salami e pancetta) sono conosciuti in tutta la Serbia e nell’intera regione balcanica. Si possono acquistare sfusi presso il mercato permanente oppure nel negozio specializzato che si affaccia direttamente sulla piazzetta principale. Non è raro trovarli nel bancone frigo dei supermercati di tutta la nazione.

Kraljeve Vode, o Zlatibor, o Partizanske Vode
La cittadina, nel linguaggio corrente, è spesso indicata come Zlatibor (cirillico: Златибoр), occupando dell’omonimo distretto il centro. Molti abitanti del luogo la ricordano anche con il nome di Partizanske Vode.
Il luogo infatti, in origine Kulaševac, ha cambiato più volte nome nel corso della storia. Nell’agosto del 1893, il Re Aleksandar Obrenović vi si recò per visitarlo. Colpito dalla sua bellezza, fece costruire una fontana (ritratta nella relativa GALLERIA FOTOGRAFICA) a cui diede il nome di “Fontana del Re” (in serbo Kraljeva česma). Kulaševac fu così ribattezzata Kraljeva Voda, ovvero “Acqua del Re”.
Nel 1903, dieci anni più tardi, il Re Petar Karađorđević I edificò una villa presso Kraljeva Voda, contribuendo a trasformare la fisionomia del posto in quello che di lì a pochi anni sarebbe diventato uno dei più importanti poli turistici della Serbia.
Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, Kraljeva Voda cambiò ancora nome, in Partizanske Vode, ovvero “Acque dei Partigiani”, in memoria dei partigiani di Zlatibor uccisi dai nazisti tedeschi fra il novembre e il dicembre del 1941.
Nel 1995 poi, la città acquisì il nome di Zlatibor, in omaggio alla regione montuosa che ne accoglieva i resti. I visitatori però restarono disorientati, facendo confusione fra la montagna e la città, a cui fu definitivamente dato il nome di Kraljeve Vode, ovvero “Acque del Re”, in onore prima al Re Aleksandar, poi al Re Petar che nella storia vi fecero visita.

Dove soggiornare, cosa fare
La ricettività a Zlatibor è eccellente. Si va dagli appartementi completi (apartmani), alle singole stanze (sobe), dagli hotel di diversa categoria a vere e proprie ville con giardino e posto macchina, come quelle del resort Kraljevi Konaci raggiungibile attraverso le agenzie turistiche locali. Il prezzo da pagare varia quindi in funzione della scelta.
Quanto alle attività da praticare non c’è che l’imbarazzo della scelta. Queste dipendono in buona parte dal periodo dell’anno, ma le attività fisiche, lo sport, le passeggiate nel bosco, a piedi o a cavallo, la vita notturna e la buona cucina, sono costanti che non conoscono stagione.
L’ambiente montano, la fitta foresta di pini (e conifere), i prati e i corsi d’acqua, fanno da sfondo a una vacanza che difficilmente risulterà noiosa, strizzando l’occhio a chi ama fare jogging e passeggiare per ore all’aperto. D’inverno è lo sci l’attività principale, grazie alla presenza di stazioni a pochi chilometri dalla città.
Né mancano strutture mediche specializzate nella cura di diverse malattie (da quelle respiratorie ai disturbi del cuore e della tiroide). L’intera area di Zlatibor infatti è un importante centro climatico che trae vantaggio dalle correnti e dall’aria salubre garantita dalla presenza di milioni di alberi di pino. Non a caso rappresenta la meta prescelta per i ritiri e le preparazioni atletiche delle associazioni sportive, come la Stella Rossa di Belgrado.
A Zlatibor si passeggia soprattutto in tuta da ginnastica e, cosa non da poco, ci si può dimenticare dell’auto. In pochi minuti ci si sposta infatti dalla piazza centrale, vicino al piccolo lago, dove il passeggio è continuo, ai percorsi allestiti dentro il bosco, di lunghezza e durata prestabilita.
Dopo, ci si può rifocillare in una delle tante rosticcerie o griglierie, dove con pochi euro si acquista un burek farcito secondo i gusti, un vasetto di yogurt, una gibanica sa sirom (con formaggio) o sa pecurkama (con i funghi) o una più sostanziosa pljeskavica.

Dove si trova
Regione: Serbia Centrale (cirillico: Централна Србија)
Distretto: Zlatibor (cirillico: Златибoр)
Municipalità: Užice (cirillico: Ужице)
Regione turistica: Serbia Occidentale (Zapadna Srbija, cirillico: Западна Србија)
Strade e ferrovie collegano Kraljeve Vode ai paesi vicini di Užice (a nord-est) e Nova Varoš (a sud). La città è raggiungibile anche da BELGRADO sia in auto, sia viaggiando in treno lungo la ferrovia che collega la capitale serba a Bar, in Montenegro.
Purtroppo non esiste un’autostrada che colleghi Belgrado alla regione di Zlatibor, il che comporta di percorrere strade asfaltate e ben tenute, ma per buona parte a doppio senso di marcia e con curve sparse. La bellezza del paesaggio collinare che vi si incontra, in ogni momento dell’anno, aiuta tuttavia ad accettare questo compromesso. Kraljeve Vode dista 10 km dalla vetta più alta dell’intera Serbia, il monte Tornik (1.496 m s.l.m.).
A pochissimi chilometri dal villaggio, inoltre, unica nel suo genere, si trova l’antica ferrovia di Šargan e il treno d’epoca, aperto ai turisti, che ne percorre la tipica forma a otto, da cui il nome locale di ŠARGANSKA OSMICA. A nord-ovest infine si trova il Parco Nazionale di Tara.