Zlatibor e dintorni

Siamo qui nella parte occidentale della Serbia (nel distretto amministrativo di Zlatibor), regione per lo più frequentata da turisti sloveni, tedeschi, russi e serbi, mossi dall’interesse per la montagna, dalla voglia di tranquillità, di aria pulita e buona cucina. Non di rado si incontrano vacanzieri ed escursionisti italiani che, in virtù di un paesaggio variegato e mai ostile, considerano questa parte di Serbia terreno ideale per il trekking e il ciclo-turismo. Sono necessari almeno tre giorni per visitare i luoghi di seguito descritti.


Fra i luoghi della Serbia Occidentale, i più noti sono 1) l’Altipiano di Zlatibor, con l’omonimo centro cittadino; 2) il paesino di Mokra Gora (cirillico: Мокра Гора) che ospita una delle ferrovie più antiche al mondo, la Šarganska Osmica (cirillico: Шарганска Осмица), e Drvengrad (cirillico: Дрвенград), villaggio etnico voluto dal regista serbo Emir Kusturica; 3) infine il Parco Nazionale di Tara, polmone verde che un po’ più a nord-ovest, delimita il confine con la Bosnia-Erzegovina.
Fra una tappa e l’altra, si incontrano punti di interesse assai particolari, come 4) la casa di Mitar Tarabić, antico profeta di Kremna (cirillico: Кремна), autore dell’affascinante quaderno delle profezie Kremansko Proročanstvo (cirillico: Креманско Пророчанство) e 5) l’etno-villaggio di recente allestimento Jokino Vrelo (cirillico: Јокино Врело), concepito per lo svago e la ristorazione dei viandanti.

01 - Zlatibor e dintorni - Jokino Vrelo
01 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

È evidente come la visita della zona, anche se non molto estesa (circa 300 km2), non possa esaurirsi in un paio di giorni, regalando al viaggiatore, tra le altre cose, panorami e paesaggi suggestivi in cui aria, terra e acqua sembrano fondersi in un unico elemento.
1) L’Altipiano di Zlatibor è un massiccio montuoso situato a circa 230 km da Belgrado, capitale della Serbia. Il nome, composto dai termini serbi “zlati” (d’oro) e “bor” (pino), significa “pino dorato”. L’area è coperta infatti da magnifici alberi di pino, molti dei quali appartenenti a una specie autoctona in via d’estinzione: il Pinus Silvestris Variegata Zlatiborica. A questa si affiancano altre 200 specie di piante, in buona parte conifere, che, insieme a piccoli laghi e ruscelli, danno vita a un paesaggio incantevole e incontaminato. I monti Čigota (1.422 m s.l.m.) e Tornik (1.496 m s.l.m.) sono i più alti della regione, non impossibili da raggiungere a piedi se si è in buona forma fisica.

02 - Zlatibor e dintorni - Il laghetto di Zlatibor
02 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

L’omonima cittadina (circa 1.000 m s.l.m.), detta anche Kraljeve Vode (cirillico: Кралјеве Воде), in italiano “Acque del Re”, è bella da visitare in ogni periodo dell’anno, ma le opportunità di relax, divertimento, sport e shopping, la rendono indicata nelle stagioni estiva e invernale. La vita ruota intorno alla piazzetta, ai ristoranti, ai locali e alle pekare (i nostri fast food), quindi al laghetto percorribile a piedi per tutto il suo perimetro. Qui si fa il bagno e si va in pedalò. A Zlatibor l’auto non serve. In pochi minuti ci si sposta infatti dalla piazza centrale ai percorsi allestiti dentro il bosco, di lunghezza e durata prestabilita.

03 - Zlatibor e dintorni - La piazzetta di Zlatibor
03 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
04 - Zlatibor e dintorni - Il villaggio Kraljevski Konaci
04 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Dopo, quando si è stanchi, ci si rifocilla con un burek (cirillico: бурек) farcito con carne o formaggio, con l’immancabile vasetto di yogurt, con una gibanica (cirillico: гибаница, caratteristica torta salata serba) o con la più sostanziosa pljeskavica (cirillico: плескавица, hamburger serbo). Il tutto senza dimenticare di sorseggiare l’acquavite di prugne, la famosa šljvovica (cirillico: шлјвовица), prodotta anche nelle varianti alla mela cotogna (dunjevača, cirillico: дунјевача) o con bacche di ginepro (klekovača, cirillico: клековача).

05 - Zlatibor e dintorni - Spettacoli serali
05 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

2) Famosa per le caratteristiche case in legno, Drvengrad (cirillico: Дрвенград), conosciuta anche con il nome di Küstendorf, è sia un museo a cielo aperto, sia un villaggio turistico-hotel (di categoria 4 stelle) in stile etnico, aperto tutto l’anno. Sorge in cima alla collina di Mečavnik (cirillico: Мечавник).

06 - Zlatibor e dintorni - Ingresso a Drvengrad
06 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

L’idea di Emir Kusturica – fondatore della città e autore di film come “Underground”, “La Vita è un Miracolo”, “Gatto Bianco Gatto Nero” -, era quella di costruire una città a misura d’uomo, in cui i turisti potessero godere di un luogo rilassante e originale: una piscina coperta, un cinema (intitolato a Stanley Kubrick), una sauna, una palestra, un campo da basket/calcetto, una sala biliardo e altre attrazioni si incontrano passeggiando fra i suoi vicoli. Vi si incontra anche un bellissimo e caratteristico bar (Caffe Club Prokleta Avlija), un lussuoso ristorante (New Restaurant) e a una sala da tè (Cake Shop Kod Ćorkana).

07 - Zlatibor e dintorni - Chiesa di San Sava a Drvengrad
07 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
08 - Zlatibor e dintorni - Casa Madre a Drvengrad
08 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Le vie della città sono intitolate a personaggi famosi, particolarmente stimati da Kusturica: Nikola Tesla, Ernesto “Che” Guevara, Diego Maradona, Federico Fellini, Ingmar Bergman, Joe Strummer, Novak Đoković e Ivo Andrić, a cui è dedicata la via principale. Dal 2008, il villaggio ospita ogni anno l’evento Küstendorf Film and Music Festival, durante il quale competono film e musica provenienti da tutto il mondo. Il Festival è noto per l’assenza di un red carpet e dei fasti tipici del mondo cinematografico.

09 - Zlatibor e dintorni - Chiesa di San Sava a Drvengrad
09 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

3) Percorrendo a piedi circa 200 metri, dopo aver lasciato il villaggio di Kusturica, ci si imbatte nella stazione ferroviaria turistica di Mokra Gora (cirillico: Мокра Гора). Qui si sale a bordo di un treno, chiamato Ćira (cirillico: Ћира) o treno di Šargan, che regala emozioni del tutto inedite. Un breve tratto della antica ferrovia che un tempo collegava Belgrado a Sarajevo, quindi la Serbia alla Bosnia-Erzegovina, è oggi riservato ai turisti, per un autentico ritorno al passato, mettendo in comunicazione la stazione di Mokra Gora a quella di Šargan-Vitasi (cirillico: Шарган-Витаси), poco più a nord-est.

10 - Zlatibor e dintorni - Stazione di Mokra Gora
10 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
11 - Zlatibor e dintorni - Stazione di Mokra Gora
11 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Inaugurato nel 1925, il lungo percorso ferroviario fu dismesso nel 1974 perché considerato obsoleto e poco economico. Nel 2000, parte dello stesso, cioè quello destinato al giro turistico, è stato rinnovato e rimesso in funzione dando vita alla Šarganska Osmica (cirillico: Шарганска Осмица), una delle poche ferrovie a scartamento ridotto ancora in funzione (soltanto 76 cm).

12 - Zlatibor e dintorni - Il treno Ćira
12 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

I vagoni, in stile rétro, con interni in legno, riproducono quelli che ai primi anni del secolo univano le due grandi città. Per superare un dislivello di oltre 300 metri, gli ingegneri dell’epoca progettarono un percorso ferroviario unico nel suo genere, articolato in un complesso sistema di tunnel (22 in tutto), ponti e viadotti e in grado addirittura di intersecarsi fino a descrivere il numero otto. L’espressione Šarganska Osmica significa appunto “Otto di Šargan”. Il tragitto turistico (da Mokra Gora a Šargan-Vitasi) è di circa 13,5 km, cinque dei quali da percorrere dentro i tunnel. Alla stazione di Mokra Gora, così come sia in corrispondenze delle altre intermedie (Golubici e Jatare), si trovano bar, ristoranti e negozi di souvenir.

13 - Zlatibor e dintorni - Tunnel della Šarganska Osmica
13 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

4) La casa del profeta Mitar Tarabić (cirillico: Митар Тарабић), contadino povero e analfabeta vissuto nel XIX secolo (1829-1899), si trova invece a Kremna (cirillico: Кремна), lungo la strada che da Mokra Gora conduce in direzione nord-ovest, verso il Parco Nazionale di Tara. Molte delle sue (pre)visioni, annotate su dettatura dal prete ortodosso Zaharije Zaharić (1834-1918) in un quaderno passato poi alla storia come Kremansko Proročanstvo (cirillico: Креманско Пророчанство, Le Profezie di Kremna), si sono rivelate esatte, esaltandone la fama e rendendo di fatto il semplice contadino, ben rappresentato insieme al sacerdote nella statua lignea posta dinanzi alla casa, il “Nostradamus dei Balcani”.

14 - Zlatibor e dintorni - Casa del profeta Mitar Tarabić a Kremna
14 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
15 - Zlatibor e dintorni - Statua del profeta Mitar Tarabić a Kremna
15 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

5) Ultima tappa del viaggio è il rilassante Parco Nazionale di Tara (Nacionalni Park Tara, cirillico: Национални Парк Тара) che si incunea, seguendo il corso del fiume Drina (cirillico: Дрина), fino a disegnare il confine tra Serbia e Bosnia-Erzegovina. È una zona ricca di verde e di acqua: molti affluenti della Drina nascono infatti dalle sue alture. Gli stessi, portandosi a valle, originano bellissime cascate.

16 - Zlatibor e dintorni - Fiume Drina
16 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Le fitte foreste e le profonde gole scavate qua e là dai corsi d’acqua, hanno favorito la conservazione di diverse specie animali, come la capra di montagna, la lince, il gallo cedrone, l’aquila reale e l’orso bruno, simbolo incontrastato di Tara.

17 - Zlatibor e dintorni - Parco Nazionale di Tara
17 – Zlatibor e dintorni
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Ci si può fermare presso i due grandi hotel Omorica e Beli Bor, se si vuole passeggiare all’ombra di grandi pini e acquistare distillati tipici, liquori e souvenir, oppure presso il Lago di Perućac (Perućačko Jezero, cirillico: Перућачко Јеѕеро) dove si trova una suggestiva centrale idro-elettrica e si pesca (e si mangia) dell’ottimo pesce di acqua dolce.