Vojvodina

Bandiera Inglese Vojvodina
Bandiera Serba Vojvodina (cirillico: Војводина)


Occupa gran parte della Pianura Pannonica, l’ampio bassopiano dell’Europa sud-orientale attraversato dal medio corso del Danubio e dal basso corso del Tibisco. La Vojvodina include quindi i territori più a nord della Repubblica di Serbia. L’altro grande fiume che l’attraversa, la Sava, insieme ai primi due, divide il territorio in tre grandi regioni: lo Srem (cirillico: Срем), il Banato (Banat, cirillico: Банат) e la Bačka (cirillico: Бачка) (per una descrizione più dettagliata della divisione interna della provincia autonoma della Vojvodina si veda la pagina: DIVISIONE AMMINISTRATIVA). Un tempo separate, queste regioni si sono unificate nel 1848 per volere dei serbi che le popolavano. Fu in quella circostanza che il territorio, ai tempi appartenente alla Corona degli Asburgo, prese il nome di Srpska Vojvodina (cirillico: Српска Војводина), ovvero “Ducato di Serbia”.

LUOGHI DI INTERESSE DELLA VOJVODINA
Subotica • Palić • Kanjiža • Zobnatica • Sombor • Kikinda • Bečej • Fantast • Arača • Zrenjanin • Carska Bara • Bač • Bođani • Novi Sad • Kovilj • Sremska Kamenica • Sremski Karlovci • Parco Nazionale di Fruška Gora • Irig • Ruma • Šid • Sremska Mitrovica • Zasavica • Obedska Bara • Pančevo • Kovačica • Vršac • Mesić • Bela Crkva

Le pianure sono interrotte quindi da importanti fiumi, da piccoli corsi d’acqua, laghi, prati e luoghi ricchi di vegetazione (spontanea e indotta), fino a cedere il posto ai Monti di Vršac (qui, diverse colline superano i 400 m di altezza) e della Fruška Gora. Questi ultimi danno il nome all’omonimo Parco Nazionale Fruška Gora. A dispetto di un territorio quasi ovunque pianeggiante, la Vojovodina è una terra tutt’altro che monotona.
La provincia può definirsi multietnica – al suo interno convivono serbi, ungheresi, rumeni, slovacchi, ucraini, croati e cechi -, tanto da riconoscere sei lingue. Risente fortemente delle influenze asburgiche (fino alla Prima Guerra Mondiale la regione era parte dell’Impero Austro-Ungarico) ed ha come capoluogo Novi Sad (cirillico: Нови Сад). Dal punto di vista economico, può considerarsi l’area più stabile e florida della Repubblica serba.

01 - VOJVODINA
01 – Vojvodina
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
02 - VOJVODINA
02 – Vojvodina
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
03 - VOJVODINA
03 – Vojvodina
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Piazza della Libertà (Trg Slobode, cirillico: Трг Слoвoде) a Novi Sad, capoluogo della Vojvodina e seconda città, dopo Belgrado, della Serbia (l’area urbana conta oggi più di 280.000 abitanti). È il centro culturale della nazione, tanto da aver meritato in passato la definizione di “Atene serba”. A Novi Sad ha studiato la serba Mileva Marić, prima moglie di Albert Einstein.

04 - VOJVODINA
04 – Vojvodina
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Di fronte al municipio si trova la Chiesa cattolica del Santo Nome di Maria che erroneamente qualcuno indica come Cattedrale. Come in tutte le piazze edificate durante l’Impero Asburgico, una parte era riservata ai cattolici.

Vino e cucina
La Vojvodina è nota per il suo buon cibo, per la produzione di carne e per i terreni molto fertili. Ciò fa sì che l’agricoltura sia ben sviluppata: i principali raccolti riguardano il frumento, il grano, i semi di girasole e la canna da zucchero.
Ma sono i terreni coltivati a vite, con più di 2.500 anni di storia, a rendere caratteristica questa parte della Serbia. La Vojvodina vanta infatti una buona tradizione vinicola. Già ai tempi dei Romani, e successivamente nel Medio Evo, la Regione era famosa per i vini della Fruška Gora, del Banato del sud e di Subotica.
Oggi godono di una buona stima i vini di Vršac, così come sono molto apprezzate alcune specialità culinarie a base di carne, vedi la pancetta (slanina, cirillico: сланина) e la salsiccia (kobasica, cirillico: кобасица). La buona cucina fa quindi da sfondo a una società multiculturale che, con le sue danze, i suoi piatti caratteristici e il suo modo di vivere, sempre rilassato e lento, accoglierà ben volentieri turisti provenienti da ogni parte del mondo. Si dice che il motto degli abitanti della Vojvodina sia: «Fai presto con calma».
La galleria fotografica sottostante include alcuni scatti effettuati durante una visita a una delle tante cantine della Vojvodina, dove è possibile degustare vini e piatti tipici della cucina locale, solitamente a prezzi molto accessibili. Quella ritratta nelle fotografie è la cantina Krstov (nella lingua locale Podrum Krstov, cirillico: Подрум Крстов) di Veliko Središte (cirillico: Велико Средиште), un grazioso villaggio di circa 1.300 abitanti nei pressi di Vršac. Differenti tipi di vino, ottimo cibo (dall’antipasto al dolce), musica da fisarmonica, bicchieri di grappa (rakija, cirillico: ракија), balli e allegria rendono la visita dei turisti indimenticabile.

Clima e geografia
L’estate della Vojvodina è piacevole (la temperatura media è compresa fra 21°C e 23°C), mentre l’inverno appena rigido (il valore medio della temperatura è di circa -2°C). La primavera e l’autunno, come accade anche nel resto della Serbia, hanno una durata piuttosto limitata. Le precipitazioni sono nella media, toccando i 550, 650 mm annui, nevicate comprese. Tutti questi elementi contribuiscono a rendere la regione molto gradevole da vivere e da visitare in ogni periodo dell’anno.
I fiumi che attraversano la Vojvodina sono il Danubio, il Tisa, la Sava e il Tamiš. I laghi, circa una dozzina, sono piuttosto piccoli: i più importanti dal punto di vista naturalistico e turistico sono i laghi di Palić e di Ludaš, vicino la città di Subotica.
I laghi di Ludaš e di Carska Swamp, nonché l’estuario del fiume Stari Begej, godono dello status di “riserva naturale” secondo gli accordi UNESCO (per approfondimenti sull’argomento si rimanda alla pagina: DANUBIO SERBO [PARTE 2A]).
L’area di Obedska Bara è uno stop abituale per molte specie di uccelli migratori, mentre la Deliblatska Peščara è nota come il “piccolo Sahara” per le grandi distese sabbiose e a scarsa vegetazione che la caratterizzano. Questo è il territorio sabbioso più vasto d’Europa, un tempo parte di un deserto preistorico, di recente dichiarato “riserva naturale speciale”. Non mancano infine alcune emergenze termali. Fra queste, le più frequentate si trovano a Kanjiža, Melenci, Slankamen, Bezdan e Vrdnik. Il territorio è infatti ricco di centri benessere e di Spa.

14 - VOJVODINA
14 – Vojvodina
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.

Il Lago di Palić (Palićko Jezero, cirillico: Палићко Jезеро) si trova a sud-est della città di Subotica in Vojvodina. Occupa una superficie di circa 2,8 Kmq ed ha una profondità media di 2 m. La sua circonferenza misura all’incirca 17 Km ed offre opportunità di passeggio, a piedi e in bicicletta. Dal punto di vista naturalistico, il Lago di Palić è la meta turistica più frequentata della Vojovodina, sia dai giovani, sia dai meno giovani.

Archeologia e storia
La Vojvodina è una regione ricca di storia: alcuni siti archeologici, come quelli di Gomolava nei pressi del villaggio di Hrtkovci e di Sirmium presso Sremska Mitrovica, sono noti a livello internazionale. Altre attrazioni di carattere storico-culturale, sono i tanti monasteri, le chiese e le fortezze. La più nota, oltre che meglio conservata, è quella di Petrovaradin che sormonta Novi Sad e ospita ogni anno il celebre festival musicale EXIT (si veda a proposito la pagina CALENDARIO EVENTI [LUGLIO – DICEMBRE]). Molte città della Vojvodina sono state fondate e costruite nel XVIII secolo, altre invece affondano le proprie radici ai tempi dei Troiani, dei Celti e dei Romani.
Novi Sad, Subotica, Zrenjanin, Kikinda e Pančevo sono i centri urbani più importanti. Qui si possono osservare monumenti storici e visitare musei, gallerie d’arte, università, chiese e cattedrali. I paesi più piccoli sono invece in stile pannonico, principalmente compatti e di forma geometrica, con diverse vie idonee al passeggio.

MANIFESTAZIONI ED EVENTI DELLA VOJVODINA
Slaninijada
Sagra della Pancetta (in lingua serba il termine “pancetta” si traduce con “slanina“)
Dove: Kačarevo (cirillico: Качарево)
DISTRETTO: Banato del Sud
Quando: Febbraio
.
Kobasicijada
Sagra della Salsiccia
Dove: Turija (cirillico: Турија), vicino Srbobran (cirillico: Србобран)
DISTRETTO: Bačka del Sud
Quando: Febbraio
.
Sterijino Pozorje
Festival Teatrale di Sterija
Dove: Novi Sad (cirillico: Нови Сад)
DISTRETTO: Bačka del Sud
Quando: Maggio
.
EXIT Festival
Festival di Musica Elettronica, Techno e Progressive
Dove: Novi Sad (cirillico: Нови Сад), dentro la Fortezza di Petrovaradin
DISTRETTO: Bačka del Sud
Quando: luglio
.
Fijakerijada
Festival delle Carrozze
Dove: Ravno Selo (cirillico: Равно Село)
DISTRETTO: Bačka del Sud
Quando: Agosto
.
Dužijanca
Rito della Mietitura e delle Ghirlande
Dove: Subotica (cirillico: Суботица)
DISTRETTO: Bačka del Nord
Quando: Agosto
.
Dani Piva
Le Giornate della Birra
Dove: Zrenjanin (cirillico: Зрењанин)
DISTRETTO: Banato Centrale
Quando: Agosto

Per un elenco completo degli eventi si vedano le pagine CALENDARIO EVENTI [GENNAIO – GIUGNO] e CALENDARIO EVENTI [LUGLIO – DICEMBRE].