Serbia Centrale

È la regione compresa fra le province autonome di Vojvodina, a nord, e Kosovo e Metohija, a sud. La Serbia Centrale (Centralna Srbija, cirillico: Централна Србија) è ricca di storia, monumenti, tracce della passata colonizzazione romana e dei domini ottomano e asburgico, fortezze medievali, luoghi di culto e antiche tradizioni. È suddivisa in cinque regioni turistiche: Serbia Occidentale, Šumadija e Valle della Morava, Raška e Valle dell’Ibar, Serbia Orientale e Serbia Meridionale.

Compra su Amazon.it le guide turistiche:
Belgrado e la Serbia. Lonely Planet. 2017
Belgrado e itinerari in Serbia. Lonely Planet. 2013
Belgrado. Collana LowCost. 2012
Belgrado. Collana Versoest. 2009


La provincia della Serbia Centrale è composta da aree pianeggianti, collinari e montuose. Il territorio offre quindi, dal punto di vista paesaggistico, un panorama variegato: dalle ripide valli scavate da alcuni dei suoi più importanti fiumi, la Drina, sede di regate e gare di rafting di fama nazionale come la Regata sulla Drina (Drinska Regata, cirillico: Дринска Регата), alle stazioni sciistiche dei monti di Zlatibor, a ovest, e Kopaonik più a sud (nella zona compresa fra le cittadine di Kraljevo, Kruševac e Novi Pazar).
Il clima della Serbia Centrale è temperato, con estati spesso molto calde e inverni che nei luoghi più in quota possono essere davvero rigidi (con temperature ben al di sotto dei -10 °C). Le precipitazioni, sottoforma di pioggia e neve, sono frequenti come dimostra l’estesa rete idrografica e ben distribuite lungo l’anno. I suoi due grandi fiumi, la Sava e il Danubio, scorrono nella sua parte più alta e si incontrano nella capitale, Belgrado.
La Serbia Centrale è una terra ricca di storia, cultura e monumenti, molti dei quali sono resti della colonizzazione romana, altri invece risalgono al medioevo: la Fortezza di Belgrado, nel Parco Kalemegdan, e i castelli di Smederevo, Niš e Golubac sono soltanto alcuni degli esempi. Di notevole importanza storica e turistica sono anche i monasteri e le chiese ortodosse. Il più famoso a livello internazionale è quello di San Sava a Belgrado (Hram Svetog Save, cirillico: Храм Светог Саве) a ragione considerato il tempio di culto ortodosso più grande d’Europa.

01 - Serbia Centrale
01 – Serbia Centrale
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
Sapevi che…
Dentro il Parco Kalemegdan si trovano due piccole chiese di interesse storico-spirituale. Una di queste è la chiesa di Santa Petka (crkva Svete Petke, cirillico: црква Свете Петке), costruita nel 1938 su una fonte ritenuta miracolosa soprattutto per la cura dell’infertilità delle donne che qui si incontrano, ogni 27 ottobre, per onorare la Santa. Ai visitatori sono donate piccole bottiglie in plastica riempite direttamente alla fonte. La chiesa ha ospitato le reliquie di Santa Petka dal 1403, anno in cui Belgrado fu proclamata capitale, al 1521, anno in cui i Turchi le trasferirono a Costantinopoli. Oggi sono custodite a Iaşi, in Romania.
02 - Serbia Centrale
02 – Serbia Centrale
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Belgrado, Niš, Topola, Zlatibor e Kragujevac sono fra le città più importanti: la prima per il suo essere capitale della Repubblica di Serbia, lo straordinario dinamismo sociale e le mille sfaccettature, le altre per le tradizioni industriali, culturali e artistiche, non di meno culinarie e vinicole. In Serbia Centrale infatti si mangia e si beve in allegria. È questa la terra dei distillati di frutta (rakije, cirillico: ракијe) – famosa la sljivovica ottenuta dalla fermentazione delle prugne -, della carne affumicata e dei prosciutti, del formaggio fresco (sir, cirillico: сир), del kajmak (cirillico: kајмак), della gibanica (cirillico: гибаница) e delle sarme (cirillico: capмe).

Sapevi che…
Una delle tappe obbligate per chi visita Belgrado è il complesso che, nella municipalità urbana di Vračar (cirillico: Врачар), ospita il Tempio di San Sava, la più grande chiesa ortodossa d’Europa, la statua di Karađorđe e la Biblioteca Nazionale. Đorđe Petrović, noto come Karađorđe, fu il capo della rivolta serba contro i Turchi, capostipite della dinastia dei Karađorđević.

Regioni turistiche della Serbia Centrale
Suddivisione politico-amministrativa a parte, il territorio della Repubblica di Serbia può essere diviso in otto regioni di interesse turistico. Sei di queste rientrano nella Serbia Centrale. Prima per importanza è la Città di Belgrado con le sue 18 municipalità. Seguono, da nord a sud, la Serbia Occidentale, la Šumadija e la Valle della Morava, la Raška e la Valle dell’Ibar, la Serbia Orientale e la Serbia Meridionale.

Serbia Occidentale
Insieme alla capitale, è forse la regione della Serbia più visitata dal turismo europeo. Le alture del Parco Nazionale di Tara (Nacionalni Park Tara, cirillico: Национални Парк Тара) e di Zlatibor (cirillico: Златибор) offrono possibilità di svago e divertimento sia in estate sia in inverno. Il fiume Drina, parte del cui corso segue il confine con la Bosnia-Erzegovina, oltre a garantire bellezza e folta vegetazione al paesaggio, è meta gettonata per gli appassionati di pesca e di rafting (vedi la Drinska Regata). In questa regione si è scritta molta della storia serba, con guerre e battaglie sanguinose, commemorate oggi in diverse cittadine.
La Serbia Occidentale, presso Mokra Gora, ospita la stazione ferroviaria turistica che immette sulla Šarganska Osmica, unico esempio al mondo di ferrovia a scartamento ridotto (76 cm) in grado di percorrere un tragitto a forma di otto. Nei pressi di Sirogojno si trova uno dei più importanti musei a cielo aperto della Serbia e d’Europa, il cosiddetto Villaggio Antico (Staro Selo, cirillico: Cтaрo Ceлo). Guča, la capitale delle trombe, con il suo Festival (Dragačevski Sabor Trubača u Guči), ha bisogno di poche presentazioni, mentre a dominare il panorama culinario ci pensano il Kajmak, formaggio cremoso da spalmare, il prosciutto affumicato (pršuta), famosissimo quello di Zlatibor, e i vari distillati tra cui la šljivovica, di prugne, la klekovaća, distillato di prugne a cui vengono aggiunte bacche di ginepro, e la travarica, distillato di prugne a cui vengono aggiunte particolari erbe.

LUOGHI DI INTERESSE DELLA SERBIA OCCIDENTALE
Šabac • Banja Koviljača • Valjevo • Pustinja • Struganik • Rajac • Ravna Gora • Koštunići • Bajina Bašta • Parco Nazionale di Tara • Mokra Gora • Užice • Zlatibor • Arilje • Ivanjica • Guča • Ovčarsko-Kablarska Klisura • Čačak

Šumadija e Valle della Morava
Nel cuore della Serbia Centrale sorgono i boschi (šuma in serbo significa appunto “bosco”), le valli e i fiumi che danno origine a questa interessante regione. Dei corsi d’acqua che l’attraversano, il più importante, la Velika Morava (Grande Morava), originata dall’incontro della Južna Morava (Morava Meridionale) e della Zapadna Morava (Morava Occidentale), scorre verso nord fino a confluire nel Danubio, lambendo piccoli centri abitati e città. Nelle sue vicinanze, presso la cittadina di Velika Plana, sorge il complesso turistico di recente costruzione Moravski Konaci (cirillico: Mopaвcки Koнaци), che in stile decisamente etnico ripercorre lo stile e le abitudini dei serbi del secolo scorso. La Šumadija occupa un posto di primissimo ordine nella storia della Serbia: i suoi territori hanno subito fortemente l’influenza turca durante i secoli del dominio ottomano ed hanno fatto da scenario alla Prima e alla Seconda Insurrezione Serba, nel 1804 e nel 1815.
Diversi sono i luoghi e gli elementi di interesse turistico, come la Fortezza e i vini di Smederevo, la cittadina di Topola (cirillico: Топола) dove ogni anno, ai primi di ottobre, si tiene la sagra del vino (Oplenačka Berba, cirillico: Опленачка Берба) e la collina di Oplenac su cui sorge l’omonimo mausoleo-monastero, rispettivamente legate a Karađorđe e a suo nipote Re Petar. Nonché i vini e i vigneti della città di Kruševac. Degne di nota sono le acque termali di Vrnjačka Banja (cirillico: Врњачка Бања), centro termale più importante di tutto il paese e sede di una originale manifestazione carnascialesca che si svolge nella prima metà di luglio (Vrnjački Karneval, cirillico: Врнјачки Карневал), e le sorgenti di Bukovička Banja, dove viene prodotta la famosa acqua minerale “Knjaz Miloš”.

03 - Serbia Centrale
03 – Serbia Centrale
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
04 - Serbia Centrale - FAI CLIC PER INGRANDIRE
04 – Serbia Centrale
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Topola, con la collina di Oplenac e il Monastero-Mausoleo dedicato a San Giorgio (Crkva-Mauzolej Svetog Đorđa), è uno dei luoghi più importanti della Šumadija. La sua storia infatti è intrecciata a quella di Karađorđe che qui visse e di qui condusse la I Insurrezione Serba. Intorno alle ville di Re Aleksandar e della Regina Marija, si estendono i vigneti di Oplenac. Qui, ogni anno, nel mese di ottobre, si tiene una festa che celebra la fine della vendemmia (Oplenačka Berba, cirillico: Опленачка Берба), a suon di trombe e punti di ristoro dove gustare dell’ottima carne grigliata.

LUOGHI DI INTERESSE DELLA ŠUMADIJA E VALLE DELLA MORAVA
Smederevo • Koporin • Aranđelovac • Orašac • Topola • Gornji Milanovac • Takovo • Vraćevšnica • Borač • Kragujevac • Jagodina • Manasija • Resavska Pećina • Ravanica • Kalenić • Ljubostinja • Kruševac • Naupare • Vrnjačka Banja

Raška e Valle dell’Ibar
Con le gradevoli estati e gli inverni rigidi che la caratterizzano, il verde lussureggiante, le bellissime valli e le alte montagne, questa regione della Serbia è una delle più indicate per chi ama la natura, l’avventura e ha voglia di scoprire i segreti più profondi della cultura locale. Oltre cinque secoli di dominazione turca hanno dato luogo a un mix di costumi e abitudini in grado tuttora di convivere in equilibrio.
Famosa per le stazioni sciistiche e gli alberghi attrezzati per gli sport invernali è la montagna di Kopaonik (cirillico: Копаоник) con l’omonimo massicco, il più esteso della Serbia con i suoi 75 Km di lunghezza e i circa 40 Km di larghezza, da godere anche durante la stagione estiva. Eccellenti dal punto di vista artistico sono le chiese e i monasteri disseminati lungo la Valle dei Re, scavata nei millenni dal corso del fiume Ibar.

LUOGHI DI INTERESSE DELLA RAŠKA E VALLE DELL’IBAR
Kraljevo • Žiča • Maglič • Studenica • Kopaonik • Aleksandrovac • Koznik • Gradac • Stara e Nova Pavlica • Novi Pazar • Zveti Petar u Rasu • Đurđevi Stupovi • Ras • Sopoćani • Crna Reka • Mileševa • Prijepolje • Banja • Davidovica

Serbia Orientale
È forse la parte di Serbia meno nota a livello turistico, anche se alcune delle sue peculiarità non sfuggono al viaggiatore più curioso, intento a esplorare e a conoscere. Geograficamente posizionata a ovest dei Monti Carpazi, la regione, confinante con la Romania e la Bulgaria, vanta un patrimonio culturale e naturalistico di tutto rispetto. Il Parco Nazionale di Đerdap, nei pressi della città di Kladovo, è per esempio abitato da numerose linci. Questo si estende sulle riva destra del Danubio, partendo dalla fortezza di Golubac (cirillico: Голубац) e giungendo alla Diga di Đerdap (Đerdapska Klisura, cirillico: Ђердапска Клисура). Požarevac (ciriliico: Пожаревац), centro urbano più importante della Serbia Orientale, detiene diversi monumenti ed edifici di rilevanza storico-artistica. Attraversata dal Danubio, questa parte di Serbia può inoltre contare su reperti archeologici di età romana. Nel anni ’60 ha conosciuto un’importante emigrazione verso i paesi occidentali, oggi riconoscibile nella presenza di abitazioni private dai colori sgargianti, voluti per sottolineare lo status di residenti all’estero arricchiti. Degno di nota è il centro wellness situato presso Ždrelo, il Ruc Ždrelo, dove piscine calde e fredde, saune e massaggi, allietano il passaggio o la permanenza del turista. È considerato il primo acqua park della Serbia a utilizzare acque di origine termale.

LUOGHI DI INTERESSE DELLA SERBIA ORIENTALE
Požarevac • Ram • Veliko Gradište • Golubac • Parco Nazionale di Đerdap • Lepenski Vir • Kladovo • Ceremošnja • Rajkova Pećina • Gornjak • Zlotske Pećine • Negotin • Zaječar • Gamzigrad • Sokobanja • Knjaževac • Stara Planina

Serbia Meridionale
Regione ricca di storia, è legata a due grandi imperatori, l’uno romano, l’altro bizantino: Costantino il Grande nato a Niš (ai tempi Naissus) nel 274 d.C. e Giustiniano I il Grande che nel 530 d.C. fondò, vicino Lebane (cirillico: Лебане), la città di Justiniana Prima, oggi importante sito archeologico. Gli eventi hanno determinato, di questa regione, sviluppo e declino, senza mai intaccare la dignità e la determinazione di un popolo fiero di appartenere a questo speciale angolo di Serbia. L’interesse turistico è rivolto ad alcune delle sue città e alla cucina tendenzialmente piccante.

05 - Serbia Centrale
05 – Serbia Centrale
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
Sapevi che…
Ogni anno a Leskovac, nel mese di settembre, si tiene la settimana della carne grigliata (Leskovačka Roštiljijada, cirillico: Лесковачка Ростилјијада). La città della Serbia Meridionale è famosa in tutti i Balcani per la maestria con cui viene preparata la brace e cotta la carne. La pljeskavica, famoso hamburger serbo, è nato proprio in questa zona.

Le specialità di carne alla griglia di Leskovac (cirillico: Лесковац) hanno bisogno di poche presentazioni per chiunque conosca le tradizioni culinarie dei Balcani, così come i peperoni di Niš e il formaggio a pasta dura, servito spesso impanato, chiamato Kačkavalj (da non confondere con il nostro caciocavallo). Altra grande attrazione è data dalle sculture naturali di Đavolja Voroš (Borgo del Diavolo) con oltre duecento colonne e piramidi di terra sovrastate da blocchi di roccia tenace, sito geomorfologico unico nel suo genere.

LUOGHI DI INTERESSE DELLA SERBIA MERIDIONALE
Niš • Gornji Androvac • Pirot • Poganovo • Leskovac • Caričin Grad • Kuršumlija • Đavolja Varoš • Vlasina • Vranje • Prohor Pčinjski