Vrnjačka Banja

  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A poco più di due ore d’auto da Belgrado, nel distretto di Raška, si trova Vrnjačka Banja, principale centro termale e curativo della Serbia. Poco nota ai turisti italiani, rappresenta una meta insolita e dal costo accessibile. Hotel e ristoranti di buon livello fanno da sfondo a passeggiate e sentieri dove il verde e i fiori dominano la scena.


È la capitale del turismo termale in Serbia. Ricca di parchi e aree verdi, Vrnjačka Banja (cirillico: Врљачка Банја) – il termine “banja” in lingua serba significa appunto “area termale” – offre diverse soluzioni di svago e curative, hotel, centri spa, parchi acquatici, ristoranti e appartamenti.
La cittadina conta oggi all’incirca 16.000 abitanti ed è attraversata da due graziosi corsi d’acqua: i fiumi Vrnjačka (cirillico: Врњачка) e Lipovačka (cirillico: Липовачка). Situata sul versate nord-orientale del Monte Goč, dove si passeggia e d’inverno si scia, ha un’altitudine compresa fra 220 e 300 m sul livello medio marino, mentre la sua posizione geografica è a circa 200 km a sud da Belgrado e a circa 80 km da Kragujevac.

01 - Vrnjačka Banja
01 – Vrnjačka Banja
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

La sua storia termale è nota sin dai tempi dei Romani. I turchi, più tardi, quasi in segretezza, hanno fatto largo uso delle sue fonti fino a quando, nel 1835, il Barone Sigmund Herder inviato sul luogo dal principe Miloš Obrenović a studiarne le caratteristiche minerarie, prese atto delle sue enormi potenzialità termali. L’impiego turistico e medicale ebbe però inizio negli ultimi anni dell’800, grazie alla costruzione di pensioni e altre strutture ricettive. Negli ultimi tempi, Vernjačka Banja ha conosciuto periodi di grande affluenza locale e internazionale: nel 1985 vi giunsero circa 160.000 turisti.

02 - Vrnjačka Banja
02 – Vrnjačka Banja
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Oggi il luogo si presta al relax, alle cure termali, alle inalazioni, alle passeggiate e alla buona cucina. Sono diverse le strutture che a prezzi convenienti mettono a disposizione pacchetti benessere indispensabili per rigenerarsi dallo stress e staccare dalla routine quotidiana.
La città possiede in tutto sei fonti, alcune di acqua calda altre di acqua fredda. Le più conosciute, fra le prime, sono le sorgenti Jezero (con acqua a 25,7°C), e Topli Izvor (con acqua a 36,5°C). Fra le seconde, Slatina (con acqua a 14 °C) e Snežnik (con acqua a 17,5°C). La sorgente Topli Izvor è una delle poche al mondo a emettere acqua alla temperatura corporea di 36,5°C.

03 - Vrnjačka Banja
03 – Vrnjačka Banja
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it

Poco a ovest della passeggiata principale (il Bulevar Srpskih Ratnika) si incontra la famosa Villa Belimarković, costruita nel 1886 nello stile tipico dell’Italia Settentrionale, come residenza estiva del Generale Jovan Belimarković. Oggi il maniero ospita un centro culturale e una galleria d’arte. Tutto intorno ci sono sentieri per passeggiare e piste ciclabili, piscine e campi sportivi.

04 - Vrnjačka Banja
04 – Vrnjačka Banja
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
05 - Vrnjačka Banja
05 – Vrnjačka Banja
Fai clic sull’immagine per ingrandire e leggere la didascalia.
Nital.it
  • 319
  •  
  •  
  •  
  •